• Home
  • TORTE
  • Non chiamatelo Migliaccio con ricotta: si arrabbia!
Non chiamatelo Migliaccio con ricotta: si arrabbia!

Condividilo sul tuo social network:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Porzioni:
450 gr Ricotta di ottima qualità e del giorno prima in modo che abbia perduto un po' della sua acqua
n. 5 Uova
250 gr Zucchero semolato
50 gr Farina di mais detta anche Fioretto, perchè è di grana fine rispetto a quella normale
350 gr Latte
50 gr Burro
q.b. Aroma a piacere scorza grattugiata di un'arancia
1 bicchierino liquore all'arancia
un pizzico Sale
q.b. Cannella in polvere
q.b. Cioccolato fondente in gocce

Non chiamatelo Migliaccio con ricotta: si arrabbia!

Cucina:
  • 75-80 minuti + il tempo per far raffreddare la polenta
  • Serve 1
  • Facile

Ingredienti

Indicazioni

Condividi

Ho scoperto da pochissimo l’esistenza del Migliaccio… ne ho letto qualcosa sui vari social e sono partita proprio da una ricetta trovato su un gruppo FB, che però ho del tutto stravolto, quindi, penso non si possa parlare più del dolce originale!

IMG_2946-300x238 Non chiamatelo Migliaccio con ricotta: si arrabbia!
Migliaccio con gocce di cioccolato

Ma il Migliaccio cos’è??

Questo piatto ha origini napoletane, si tratta di una specie di polenta cotta al forno oppure fritta e si prepara tradizionalmente il martedì grasso  (vuoi scoprire altre ricette del carnevale? clicca qui!!). La sua variante dolce (quella da cui sono partita io) somiglia molto al ripieno delle sfogliatelle napoletane. Anticamente aveva tra gli ingredienti il miglio (avrà preso da questo cereale il nome???), oggi sostituito soprattutto con il semolino. Gli altri ingredienti della ricetta dolce sono la ricotta, le uova e lo zucchero.

Passaggi

1
Fatto

Prepariamo la polentina di mais

Portiamo quasi a bollore in un pentolino, il latte, il burro, la scorza di arancia ed il pizzico di sale. Versiamo a pioggia il fioretto e continuando a mescolare facciamo rassodare, dovremo ottenere una crema molto densa. Togliamo dal fuoco e dal pentolino e facciamo raffreddare, coprendo con pellicola a contatto.
Io ho preparato la sera prima e messa in frigo fino alla mattina seguente.

2
Fatto

Prepariamo la crema di ricotta

IMPORTANTE - separiamo due albumi dal totale delle uova in ricetta e teniamo da parte.
In planetaria con la frusta (o con le fruste elettriche) montiamo la ricotta con lo zucchero, la cannella in polvere ed il liquore all'arancia.
Quando avremo una crema omogenea aggiungiamo la nostra polentina ormai fredda e continuiamo con 3 uova intere e 2 tuorli, sempre montando.

3
Fatto

Montiamo gli albumi tenuti da parte ed aggiungiamoli delicatamente al resto degli ingredienti. Terminiamo aggiungendo a piacere le gocce di cioccolato.

4
Fatto

Mettiamo la nostra crema in uno stampo da 26 o da 28 cm di diametro (io ho usato quello da 28 cm ed è venuto un dolce basso), leggermente imburrato ed infarinato.

5
Fatto
40-45 minuti

Cottura in forno statico a 175°C

Cuociamo in forno statico, preriscaldato, a 175°C per 40-45 minuti (facciamo sempre la prova stecchino, prima di sfornare). Copriamo con pellicola di alluminio se notiamo che durante la cottura si colora troppo.

6
Fatto

Facciamo raffreddare nello stampo e poi capovolgiamo sul piatto da portata.
Spolveriamo con abbondante cacao amaro.
Conserviamo in frigo.

admin

Crostata mimosa
Precedente
Crostata mimosa – non la solita torta per tutte le Donne
Zuppa inglese
Successivo
Zuppa inglese – la torta in un bicchiere
Crostata mimosa
Precedente
Crostata mimosa – non la solita torta per tutte le Donne
Zuppa inglese
Successivo
Zuppa inglese – la torta in un bicchiere

Aggiungi il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.