• Home
  • LI.CO.LI.
  • Fare il pane a casa con lievito madre – ricetta FACILE

Fare il pane a casa con lievito madre – ricetta FACILE

Fare il pane a casa con lievito madre – ricetta FACILE

Condividilo sul tuo social network:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Porzioni:
350 gr Farina di semola rimacinata
150 gr Farina multicereali
375 gr Acqua a temperatura ambiente (al massimo poco tiepida)
125 gr Licoli (lievito naturale liquido)
12.5 g Sale
50 gr Semi misti (opzionali)
Particolarità:
  • Cottura in forno
  • Li.Co.Li
  • Metodi di cottura
  • Vegano
Cucina:
  • 2 h più la lievitazione
  • Porzioni 1
  • Media

Ingredienti

Indicazioni

Share
Pane 75% idro multicereali
Pane 75% idro multicereali

Non avete mai provato a fare il pane in casa perchè credete che sia troppo difficile?!? niente di più sbagliato!

Fare il pane nel forno di casa, non è per niente difficile, basta ottenere un buon impasto e seguire pochi suggerimenti per la cottura!

Otterrete anche voi un pane dalla crosta croccante e dalla mollica morbida, senza nemmeno troppa fatica, ma con tanta, tanta SODDISFAZIONE.

Il pane si può fare anche con il lievito di birra, ma io sono una romantica e non lo concepisco tanto, quindi consiglio ai più volenterosi di provare a crearsi il lievito naturale, prendersene cura ed utilizzarlo almeno per il pane.

Io utilizzo (e mi trovo benissimo) il LiCoLi (lievito naturale in coltura liquido).

Non conosci il lievito naturale liquido? LEGGI QUI

Vuoi provare anche tu a farlo nascere? LEGGI QUI

Finalmente, anche tu sei entrato nel mondo della lievitazione naturale, e non vuoi proprio sbagliare sull’uso della pasta madre liquida? LEGGI QUI

Fare il pane a casa è facile!

Partiamo dagli ingredienti, in questo periodo di coronavirus, non vi preoccupate se invece della farina indicata in ricetta, ne avete un’altra, per questa volta, usatela pure… cambierà, forse, soltanto la quantità di acqua da aggiungere!

Nella ricetta che vi proporrò oggi, io ho utilizzato della farina di semola biologica e della farina multicerali (i semi che aggiungo al pane, sono già contenuti in questa farina, io però li ho setacciati prima!)

Importante è ottenere un impasto ben idratato MA NON MOLLE!! e per ottenerlo, dobbiamo aggiungere i liquidi poco per volta, incorporando bene prima della successiva aggiunta.

Se magari, durante l’impasto, notate che la massa è troppo molle e non riuscite a gestirla, non vi fate prendere dal panico, non mettete più acqua ed andate avanti nella preparazione del pane (avrete un pane leggermente più compatto, ma ugualmente buono), vorrà dire che aumenterete i liquidi man mano che prenderete confidenza con gli impasti (l’importante è non scoraggiarsi!).

Per fare questo pane, ho utilizzato la tecnica del “frigo-forno”, cioè dopo una prima lievitazione al caldo per far arrivare la massa al raddoppio, si forma la pagnotta e la si mette in frigo per 12-16h circa. Dopo il frigo, la pagnotta, viene incisa (se si vuole), e messa direttamente nel forno caldo per essere cotta!

Prima del passaggio in frigo la pagnotta, dovrebbe essere messa negli appositi cestini da lievitazione, ma, se come me, ancora non li avete potete utilizzare un qualsiasi contenitore (naturalmente della forma del pane), coperto da un foglio di carta assorbente da cucina o da un panno pulito e spolverato di farina.

Comunque, il mio prossimo acquisto sarà proprio il cestino del pane per la lievitazione!!

Il mio prossimo acquisto sarà tra questi!!

Cottura nel forno elettrico

Ecco, un punto importante per ottenere un buon pane, è la cottura… e devo dire la verità, cuocere BENE un pane nel forno di casa, non è cosa da poco.

Ho letto della cottura in pentola nel forno (usando pentole di ghisa o di coccio) e l’ho provata (ma ve ne parlerò prossimamente in un altro articolo)… per questo pane però ho utilizzato un testo romagnolo!!!

Questo è il testo che ho utilizzato :

l’ho posizionato nel forno, nella parte bassa (ma non a contatto con il fondo) ed ho acceso a 230°C, quando è arrivato a temperatura ho infornato il pane, direttamente sul testo e proseguito la cottura come da ricetta!

 

Video tutorial su come impastare il pane facile!

Come promesso, ecco il video su come impastare e gestire il nostro pane facile (con idratazione al 75%).

Il video è un pochino lungo, ma ho preferito non tagliare nulla, in modo che anche chi è alle prime armi possa ritrovarsi tutti i passaggi!

Buona visione!

l’ho posizionato nel forno, nella parte bassa (ma non a contatto con il fondo) ed ho acceso a 230°C, quando è arrivato a temperatura ho infornato il pane, direttamente sul testo e proseguito la cottura come da ricetta!

 

Video tutorial su come impastare il pane facile!

Come promesso, ecco il video su come impastare e gestire il nostro pane facile (con idratazione al 75%).

Il video è un pochino lungo, ma ho preferito non tagliare nulla, in modo che anche chi è alle prime armi possa ritrovarsi tutti i passaggi!

Buona visione!

 

 

Scrivere questa ricetta ha richiesto tempo ed impegno: aiutaci a condividere questo post, a te non costa nulla, per noi è importantissimo! Farlo è facilissimo basta cliccare sui pulsanti di condivisione in basso!!! Inoltre, entra a far parte del nostro gruppo fb Golose Ricette, sarà ancora più semplice mettersi in contatto con noi e rimanere aggiornati!!

Pane 75% idro multicereali
Pane 75% idro multicereali

Passaggi

1
Fatto

Impastiamo il pane:

Mescoliamo i due tipi di farina, in una ciotola, e cominciamo ad aggiungere acqua, SEMPRE POCO PER VOLTA, FACENDO ASSORBIRE BENE PRIMA DELLA SUCCESSIVA AGGIUNTA!
Quando tutta la farina sarà assorbita spostiamoci sul piano da lavoro e continuiamo ad aggiungere il resto dell'acqua ed il sale (sempre poco per volta e facendo assorbire bene)

2
Fatto

SUGGERIMENTO

Se non vi sentite sicuri, non aggiungete tutta l'acqua, fermatevi a 260/280 gr.

3
Fatto

Quando tutta l'acqua è assorbita, e l'impasto è incordato, mettiamo a riposare a campana (cioè sul piano di lavoro coperto con una ciotola) per 30 minuti circa.

4
Fatto

PER CHI USA LA PLANETARIA O COMUNQUE UNA MACCHINA:

Portiamo l'impasto ad incordatura (cioè si deve staccare dalle pareti della ciotola ed aggrapparsi al gancio centrale) aggiungendo i liquidi poco per volta, facciamo riposare per 30 minuti (coperto a campana) ed aggiungiamo a mano i semi!

5
Fatto

SE NON UTILIZZIAMO I SEMI SALTIAMO QUESTO PASSAGGIO:

riprendiamo l'impasto, stendiamolo leggermente a rettangolo ed incorporiamo i semi facendo una serie di pieghe (guarda il video).
Rimettiamo a riposare, a campana, per 30 minuti.

6
Fatto

Dopo i 30 minuti di riposo:

Riprendiamo il nostro impasto e facciamo due pieghe a 3 (una specie di laminazione) ed arrotondiamo (pirlatura)

7
Fatto

Lievitazione al raddoppio:

Mettiamo il nostro impasto in un contenitore (magari graduato, in modo che sia più facile valutare l'aumento di volume) leggermente infarinato, copriamo con pellicola e mettiamo a lievitare a 26-28°C fino al raddoppio.

8
Fatto

Formatura del pane:

Al raddoppio, riprendiamo l'impasto e diamo una piega a 3.
Copriamo a campana e facciamo riposare per 30 minuti.
Riprendiamo l'impasto, e chiudiamo (guarda il video, per capire come fare) dando la forma che preferiamo, io questa volta a filoncino.

9
Fatto

Riposo in frigo:

Mettiamo la nostra pagnotta in un contenitore (se non avete gli appositi cestini, potete utilizzare ciotole della stessa forma del pane, naturalmente devono essere anche della stessa dimensione della pagnotta, in modo che non si "allarghi" - se utilizzate dei contenitori in plastica o metallo - vanno bene anche le tortiere - spolverate di farina e coprite con un foglio di carta assorbente da cucina oppure un telo pulito, sempre spolverato di farina - ciò renderà più semplice anche togliere il pane dal contenitore) -
Copriamo con pellicola e mettiamo in frigo per 12/16 ore.

10
Fatto

Prepariamo il forno:

Mettiamo il nostro testo nel forno ed accendiamo a 230°C, facendo arrivare a temperatura.

11
Fatto

Tagli sul pane (opzionale)

Prendiamo il nostro pane dal frigo e con una lama tagliente facciamo delle incisioni sulla superficie, dopo aver spolverato di farina.
Io poggio il pane su della carta forno, così è più semplice spostarlo sul testo in forno.

12
Fatto

Cottura del pane:

Subito dopo i tagli, prendiamo il pane e poggiamolo direttamente sul testo rovente (potete lasciare la carta forno, se l'avete utilizzata anche voi).
Abbassiamo il forno a 220°C (meglio se forno statico) e spruzziamo un po' di acqua all'interno.
Facciamo cuocere per 10 minuti ed abbassiamo a 200°C per 20 minuti.
Poi terminiamo la cottura a 180°C per altri 10-15 minuti (lasciando socchiuso il forno negli ultimi 5 minuti)
Generalmente per questa pezzatura 40-50 minuti di cottura bastano (regolatevi sempre in base al vostro forno ed al colore del pane)

13
Fatto

Sforniamo il nostro pane e facciamo raffreddare su una gratella...
Ma potete mangiarlo anche subito, state attenti solo alle ustioni!!

admin

pastiera cannavacciuolo
precedente
Pastiera di Cannavacciuolo – la ricetta da fare in fretta
Torta di rose Bimby
prossimo
Torta di rose – ricetta facile con Bimby e senza
pastiera cannavacciuolo
precedente
Pastiera di Cannavacciuolo – la ricetta da fare in fretta
Torta di rose Bimby
prossimo
Torta di rose – ricetta facile con Bimby e senza

2 commenti Nascondi commenti

Se volessi usare solo semola e farina 00 w250? Come riproporzionato L acqua perché non venga un mattone?
Grazie e complimenti la miglior scoperta del web

Buongiorno,
io ti direi di iniziare con un’idratazione del 60% (cioè 1 kg di farina e 600 gr di acqua) porti ad incordatura e se pensi di riuscire a gestire l’impasto aggiungi altra acqua poco per volta.
Ricorda che esistono tanti tipi di pane, dalle nostre parti, per esempio, il pane (che viene fatto interamente da semola di grano duro) non ha la mollica piena di grande occhiatura, ma ti posso assicurare che non è un mattone…
Se sei una principiante arriva al 60-65% di idratazione, aggiungendo i liquidi poco per volta ed incordando ad ogni aggiunta.
La volta successiva aumenta i liquidi se il primo risultato non ti è garbato. La panificazione è fatta di tentativi, ed io non mi sento tanto “arrivata” da dare dosi precise, posso darti dei consigli…
Importante sono incordatura, formatura e soprattutto la lievitazione!!
Fammi sapere se provi, il risultato e se hai bisogno di altre info.
Grazie per la tua visita ed il tuo contatto

Buona giornata

Golose Ricette

Cancella il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.