Brioscia cu tuppu – brioche con il tuppo – LICOLI

Condividilo sul tuo social network:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Porzioni:
900 gr Farina per lievitati (quindi ad alto contenuto di proteine)
130 gr Zucchero semolato
20 gr Miele
150 gr Uova
150 gr Burro
20 gr Sale
380 gr Latte
5 gr Lievito di birra fresco opzionale, usatelo se pensate che il vostro LICOLI non sia abbastanza attivo
200 gr Licoli (lievito naturale liquido)
40 gr Pasta d'arancia
q.b. Semi di vaniglia

Brioscia cu tuppu – brioche con il tuppo – LICOLI

Cucina:
  • Serve 19
  • Media

Ingredienti

Indicazioni

Condividi
IMG_3740_edited-300x283 Brioscia cu tuppu - brioche con il tuppo - LICOLI
Brioscia cu tuppu – brioche con il tuppo

La ricetta della Brioscia cu tuppu (brioche con il tuppo) è un’eccezione alla mia programmazione! Ultimamente sto programmando la pubblicazione delle ricette, in modo da garantire continuità al sito ed ho già scritto e pianificato fino a fine luglio.

Ma non potevo non farvi il regalo di questa ricetta, perché la brioscia cu tuppu pur essendo un lievitato (quindi necessariamente va acceso il forno, e con questo caldo, diciamoci la verità, proprio non va a tantissimi di noi!) è obbligatoria in estate, almeno qui al Sud, se ben farcita con un ottimo gelato artigianale.

Ma voi, cari amici, sapete cos’è il tuppo??

Il tuppo altro non è che lo Chignon delle nostre nonne (al sud, in realtà in dialetto lo chiamiamo ancora così)!!! e se guardate la foto, sembra proprio che questa brioche abbia lo chignon!

IMG-20190617-WA0031_edited-300x225 Brioscia cu tuppu - brioche con il tuppo - LICOLI
Brioscia cu tuppu – brioche con il tuppo

Adesso che vi ho spiegato il nome, vi spiego anche come realizzarle a casa con il LICOLI (lievito naturale a coltura liquida) – se ancora non conoscete questo meraviglioso tipo di lievito naturale cliccate qui!!!

e se volete provare a realizzare la versione della brioscia cu tuppu di Luca Montersino potete cliccare qui!!!

Passaggi

1
Fatto

Prepariamo l'impasto:

Nella ciotola del kendwood, munito di gancio a spirale, cominciamo a lavorare la farina, il LICOLI ed il lievito di birra fresco (RIPETO - usatelo se non siete sicuri della forza del vostro lievito madre).
Con la macchina in movimento, aggiungiamo lo zucchero, il miele e le uova (versandole a filo e facendo assorbire bene prima della successiva aggiunta).
Continuiamo aggiungendo la pasta d'arancia ed i semi di vaniglia.
Portiamo ad incordatura, cioè l'impasto deve staccarsi dalle pareti della ciotola, lasciandola pulita, ed aggrapparsi al gancio.
Aggiungiamo il burro tagliato a cubetti ed il sale, facciamo questa operazione in due volte, portando ad incordatura ad ogni aggiunta.

2
Fatto

Prima lievitazione:

Togliamo l'impasto, ormai incordato, dalla ciotola, copriamo con pellicola e mettiamo a lievitare a 26°C fino al raddoppio.
Dopo il raddoppio, lavoriamo brevemente la massa e trasferiamo in frigorifero un'oretta (sempre coperta da pellicola). -
N.B. il tempo di riposo in frigo può anche essere allungato in base alle vostre necessità (se per esempio dovete uscire di casa), il risultato non subirà variazioni!

3
Fatto

Pezzatura:

Procediamo quindi alla pezzatura delle nostre brioscie, dividendo l'impasto in 19 pezzi da 70 gr circa ed in in 19 pezzi da 10 gr circa.
Dopo aver diviso la pasta in pezzi, arrotondiamo ciascun pezzo (pirlatura) facendo della palline.
Alle palline più grandi facciamo un foro centrale, allargandolo leggermente e mettendoci al centro la pallina di pasta più piccola.
Disponiamo man mano le brioscie su una teglia coperta da carta forno.

4
Fatto

Seconda lievitazione:

Facciamo lievitare le brioscie fino al raddoppio, coprendole sempre con pellicola ed ad una temperatura di 26°C.

5
Fatto

Cottura:

Quando le brioscie sono raddoppiate, spennelliamo di latte ed uova (in ugual misura) ed inforniamo, in forno già caldo a 175°C per 20-25 minuti, devono diventare ben dorate!

6
Fatto

Quando le brioscie con il tuppo sono cotte, togliamo dal forno e trasferiamole su una griglia per dolci a raffreddare.
Una volta fredde, le tagliamo a metà e le farciamo con abbondante gelato artigianale (ma che sia ottimo!!!)...
Solo dopo aver mangiato la brioscia con il tuppo imbottita di gelato potrete dire di aver trascorso una buona estate!!!

7
Fatto

Conservazione:

Si mantengono soffici e gustose anche 3-4 giorni, se appena fredde sono imbustate e ben chiuse.
Se poi, le volete avere sempre a disposizione, potete tranquillamente congelarle appena si raffreddano, conservandole sempre ben chiuse: basterà scongelarle qualche ora prima oppure passarle qualche secondo al microonde!

admin

Coppa Malù
Precedente
Coppa Malù – budino al cioccolato con panna montata
Coppa Malù
Precedente
Coppa Malù – budino al cioccolato con panna montata

Aggiungi il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Preference Center

    Necessary

    Advertising

    Analytics

    Other