Brioches sofficissime, senza latte e derivati

Condividilo sul tuo social network:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

250 gr Farina 00
200 gr Farina per lievitati (quindi ad alto contenuto di proteine)
100 gr Licoli (lievito naturale liquido)
n. 3 Uova
1/2 bicchiere Olio extra vergine d'oliva
1/2 bicchiere (nella versione adatta al salato) - 1 bicchiere (nella versione dolce) Zucchero semolato
q.b. Aroma a piacere da utilizzare solo nella versione dolce
1 bicchiere Acqua anche di più se riuscite a non "smollare" l'impasto
1 pizzico (nella versione dolce) - 10 gr (nella versione salata) Sale
Per l'uso del lievito di birra ed una lievitazione più veloce:
250 gr Farina 00
250 gr Farina per lievitati (quindi ad alto contenuto di proteine)
15-20 gr Lievito di birra fresco io preferisco metterne sempre poco, quindi opterei per 15 gr massimo, ma se non avete tanto tempo potete arrivare anche a 25 g
il resto degli ingredienti è uguale non dobbiamo mettere il LICOLI naturalmente

Brioches sofficissime, senza latte e derivati

Particolarità:
    Cucina:
    • 60 minuti + i tempi di lievitazione
    • Facile

    Ingredienti

    • Per l'uso del lievito di birra ed una lievitazione più veloce:

    • il resto degli ingredienti è uguale non dobbiamo mettere il LICOLI naturalmente

    Indicazioni

    Condividi
    IMG_20190412_132102-300x169 Brioches sofficissime, senza latte e derivati
    Brioches sofficissime senza latte e derivati

    Nella vita capita che si debba rinunciare a qualche alimento per un’allergia od un’intolleranza.

    Allora ci si deve abituare… si pensa: “chissà a quante cose dovrò rinunciare d’ora in poi!”

    a volte ci si rassegna a consumare prodotti industriali già “senza”, oppure (soprattutto chi ha sempre pasticciato non rinuncerà mai a preparare da sè!) ci si mette in gioco e ci si mette alla “ricetta senza”.

    Questa è una ricetta senza… senza latte e derivati, quindi niente burro, niente latte… niente lattosio…

    E’ la ricetta di brioches sofficissime e che possono essere adattate sia al dolce sia al salato, basta variare la quantità dello zucchero. Vi riporterò sia la ricetta a lievitazione naturale (con lievito naturale liquido – LICOLI, se ancora non conoscete questo fantastico mondo cliccate qui) sia quella con lievito di birra (più veloce nei tempi di lievitazione).

    Per entrambe ci vorranno due lievitazioni: la prima – più lunga – in massa (cioè l’intero impasto), la seconda – di qualche ora – con le brioches già formate.

    Farla con il LICOLI (naturalmente già rinfrescato) è veramente stato comodissimo: ho impastato la sera, messo a lievitare l’intera notte, formato la mattina, rimesso a lievitare, al ritorno dal lavoro acceso il forno ed infornato!!

    Inoltre, ricordate che le lunghe lievitazioni e l’uso del lievito naturale allungano di molto la vita del prodotto (quindi sofficità e fragranza) oltre ad esaltarne maggiormente le qualità organolettiche.

    IMG_20190412_130001_edited-300x212 Brioches sofficissime, senza latte e derivati
    Brioches sofficissime senza latte e derivati – dopo la seconda lievitazione

    Passaggi

    1
    Fatto

    Se si usa il LICOLI (lievito naturale liquido) - La sera prima:

    Prepariamo gli ingredienti:
    Uniamo le due farine nella ciotola della planetaria munita di gancio (chi non ha la planetaria può tranquillamente impastare a mano, è un impasto molto gestibile anche manualmente, non aggiungete l'acqua di colpo, ma in piccole quantità, impastando e valutando quanto ancora potete aggiungerne per riuscire a lavorare bene l'impasto con le mani, senza che diventi una colla), insieme allo zucchero ed al LICOLI (naturalmente già rinfrescato)
    - quantità dello zucchero:
    1/2 bicchiere per le brioches salate
    1 bicchiere per le brioches dolci

    2
    Fatto

    Per chi usa il lievito di birra: impastare il giorno stesso oppure la sera prima e mettere la massa a lievitare in frigo

    Uniamo le due farine nella ciotola della planetaria munita di gancio (chi non ha la planetaria può tranquillamente impastare a mano, è un impasto molto gestibile anche manualmente, non aggiungete l'acqua di colpo, ma in piccole quantità, impastando e valutando quanto ancora potete aggiungerne per riuscire a lavorare bene l'impasto con le mani, senza che diventi una colla), insieme allo zucchero ed al lievito di birra sbriciolato
    - quantità dello zucchero:
    1/2 bicchiere per le brioches salate
    1 bicchiere per le brioches dolci

    3
    Fatto

    Sia per le brioches con il lievito naturale sia per quelle con il lievito di birra si continua allo stesso modo:

    Azioniamo la macchina a vel. min (spingendoci massimo alla velocità 1) e cominciamo ad aggiungere le uova
    Stessa cosa se lavoriamo a mano, aggiungiamo le uova
    e facciamo assorbire bene all'impasto.

    4
    Fatto

    Aggiungiamo il sale:
    1 pizzico per la versione brioches dolci
    10 gr per la versione delle brioches salate

    5
    Fatto

    Continuiamo ad impastare aggiungendo a filo l'acqua e poca per volta, facendo assorbire bene prima della successiva aggiunta, se non ve la sentite di spingere troppo con l'idratazione (avete paura che l'impasto si smolli dal gancio, perchè ricordatevi deve sempre essere attaccato al gancio e non attaccato alle pareti della ciotola) fermatevi a mezzo bicchiere (soprattutto se impastate a mano)

    6
    Fatto

    Terminiamo aggiungendo l'olio, sempre poco per volta, senza perdere mai l'incordatura.
    L'impasto è pronto quando avrà assorbito tutto l'olio e si staccherà dalle pareti della ciotola rimanendo attaccato al gancio.

    7
    Fatto

    Copriamo e mettiamo a lievitare fino al mattino seguente (in caso di lievitazione naturale) fino al raddoppio (anche poche ore) in caso di lievitazione con lievito di birra (o tutta la notte in frigo), ben coperto ed in un luogo in cui ci siano almeno 20-22°C.

    8
    Fatto

    Dopo il raddoppio, formiamo le nostre brioches nelle forme che più ci piacciono e rimettiamo a lievitare direttamente sulle teglie coperte da carta forno.

    9
    Fatto

    Al raddoppio, accendiamo il forno a 180°C, forno statico.
    Quando arriva a temperatura inforniamo per 15-20 minuti (devono diventare dorate).
    A cottura ultimata togliamo dal forno e facciamo raffreddare su una gratella.

    10
    Fatto

    Conservazione:

    Dopo averle fatte raffreddare per bene, Conservare in un contenitore di latta ben chiuse oppure nelle apposite buste per alimenti.
    Si possono anche congelare da cotte per essere scongelate qualche ora prima del consumo o direttamente nel microonde.

    admin

    Cannolo siciliano con crema di ricotta
    Precedente
    Cannolo siciliano con crema di ricotta, di Montersino
    focacce di pasqua
    Successivo
    Focacce di Pasqua a lievitazione naturale
    Cannolo siciliano con crema di ricotta
    Precedente
    Cannolo siciliano con crema di ricotta, di Montersino
    focacce di pasqua
    Successivo
    Focacce di Pasqua a lievitazione naturale

    Aggiungi il tuo commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Privacy Preference Center

      Necessary

      Advertising

      Analytics

      Other