• Home
  • BIMBY
  • Baci di dama – ricetta Iginio Massari
Baci di dama – ricetta Iginio Massari

Condividilo sul tuo social network:

O puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

250 gr Farina di mandorle
250 gr Zucchero di canna grezzo
250 gr Farina 00
250 gr Burro
30 gr Albumi
3 gr Sale
Per farcire:
Q.b. Nutella
Q.b. Cioccolato fondente

Aggiungi questa ricetta ai segnalibri

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Baci di dama – ricetta Iginio Massari

Cucina:

Piccoli pasticcini di frutta secca, che baciano un sottile strato di cioccolato fondente (secondo tradizione) o di Nutella (per i più golosi)

  • 35 minuti + il tempo di riposo dell'impasto
  • Facile

Ingredienti

  • Per farcire:

Indicazioni

Condividi

I baci di dama, secondo me, sanno di autunno… forse per il loro colore, per la forma (per le calorie non indifferenti 😂🤣)… forse anche perché il primo fresco ti invoglia ad accendere il forno, ed i biscotti sono il must dei dolci da forno! (Non lo credete anche voi?)

Ho provato altre versioni di baci di dama, Qui i baci di dama di Montersino glutin free!

IMG_1728-300x300 Baci di dama - ricetta Iginio Massari
Baci di dama ricetta Massari

quelli che vi propongo oggi sono del maestro Iginio Massari, dalla collana “A scuola di pasticceria con Iginio Massari”  vol. 8 Biscotti. Fa parte di una raccolta di volumi in cui Massari pubblica alcune delle sue ricette (molte delle quali già contenute in altri suoi libri, a dire il vero). Ogni volume è riccamente illustrato, a mio avviso ciò va a discapito della quantità di ricette che contiene (in questo ce ne sono 18), il prezzo è di €.9,90 ad uscita ( dovrebbero essere 20 uscite circa), quindi se facciamo due conti, conviene acquistare qualche suo libro professionale  (si risparmia, con il doppio delle ricette). Per chi vuole approcciarsi alla pasticceria sono volumi utili.

 

Passaggi

1
Fatto

Se non abbiamo la farina di mandorle:

In un buon cutter (anche Bimby o Kenwood) polverizziamo le mandorle intere (con o senza buccia, meglio se tostate) insieme allo zucchero di canna. Ottenendo una farina sottile ed omogenea.

2
Fatto

Impastiamo la base per i baci di dama:

Se il recipiente del cutter è abbastanza capiente, possiamo continuare la lavorazione con quello, altrimenti continuiamo a mano o con una planetaria.

3
Fatto

Il procedimento è molto semplice, basta aggiungere, alla farina di mandorle e zucchero, la farina, il sale e l'albume, lavorando il minimo che basta per ottenere un composto omogeneo.

4
Fatto

Una volta ottenuta la pasta, copriamo con pellicola per alimenti e mettiamo in frigo, per stabilizzarla (deve rassodarsi).

5
Fatto

Formiamo i baci di dama:

Quando il composto è ben freddo, lo stendiamo sul piano di lavoro, leggermente infarinato, fino ad uno spessore di 1 cm e coppiamo dei cerchi piuttosto piccoli con una coppa pasta (io ho utilizzato il retro di una bocchetta da sac a poche).

6
Fatto

Arrotoliamo ciascun cerchio tra le mani (come si fa per le polpette) in modo da formare delle palline e disponiamo su una placca, coperta da carta forno, lasciando un po' di spazio tra un bacio e l'altro.

7
Fatto

Secondo riposo in frigo e cottura:

Una volta formati i baci e disposti sulla teglia, rimettiamo in frigo per 30 minuti circa, in modo da farli raffreddare, dopo la lavorazione tra le mani.

8
Fatto

Preriscaldiamo il forno a 150°C (forno statico) e cuociamo circa 20 minuti (devono diventare dorati). NON APRIAMO MAI IL FORNO PRIMA DELLA FINE DELLA COTTURA, altrimenti si appiattiscono.

9
Fatto

Sforniamo e facciamo raffreddare.

10
Fatto

Una volta freddi, spalmiamo ogni bacio di dama con della Nutella (o del cioccolato fuso) ed uniamoli due a due.

11
Fatto

Facciamo rassodare e gustiamo!

12
Fatto

VARIANTI

Al posto delle mandorle, si possono utilizzare i pistacchi, le nocciole (anche un mix tra questi) e/o qualsiasi altro tipo di frutta secca ci piaccia (sempre sotto forma di farina o seguendo il procedimento descritto sopra per le mandorle).

admin

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il modulo qui sotto per scrivere la tua recensione
Sanmartine calabresi e passito CENTOCAMERE
Precedente
San MARTINE calabresi, la ricetta di Mela
Kougelhopf d'Alsazia licoli
Successivo
Kougelhopf d’Alsazia di GIORILLI (versione LICOLI)
Sanmartine calabresi e passito CENTOCAMERE
Precedente
San MARTINE calabresi, la ricetta di Mela
Kougelhopf d'Alsazia licoli
Successivo
Kougelhopf d’Alsazia di GIORILLI (versione LICOLI)

Aggiungi il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.